Home Economia Elezioni politiche e “non ci sono i soldi”

Elezioni politiche e “non ci sono i soldi”

83

Si avvicinano le prossime elezioni politiche, ma siamo alle solite, ricomincia la litania del “non ci sono i soldi”.

I partiti non hanno cambiato lo schema narrativo classico.

Da una parte fanno a gare a lanciare alcune promesse roboanti che colpiscano l’immaginario collettivo: Berlusconi ha cominciato con 1000 euro di pensione minima e un milione di alberi piantati all’anno, come se questo fosse un problema fondamentale da risolvere.

Dall’altra seguitano a ritenere che “non ci sono i soldi” e che quindi sia necessario aumentare le tasse e tagliare i servizi o privatizzarli, per far quadrare i conti dello Stato.

Non ne possiamo più.

Abbiamo deciso di rompere questa narrazione e di provare a lanciare un proposta concreta e realizzabile per reperire le risorse necessarie, in modo che i partiti la possono inserire nei loro programmi elettorali e dimostrare che non sono le risorse che mancano, ma le idee.

Dal 2020 faccio parte del Comitato Promotori del Piano di Salvezza Nazionale, che aveva allora lanciato una petizione sottoscritta da 36.500 persone e che aveva avuto il merito di proporre misure simili al Superbonus che è stato poi approvato pochi mesi dopo.

Oggi abbiamo deciso di lanciare una nuova petizione con una versione aggiornata ed ampliata di quella proposta, un “Piano di Rinascita Economica da 1000 miliardi di euro” che i partiti possono inserire nei loro programmi elettorali, in modo da avere la certezza che le risorse finanziarie ci sono e quindi si possono realizzare tutte le promesse che faranno.

Invitiamo tutti i cittadini a sottoscrivere questa petizione ed a farla sottoscrivere a parenti, amici e conoscenti, così non avranno più l’alibi del “non ci sono i soldi” –> https://www.change.org/p/piano-di-rinascita-economica-da-1000-miliardi

Io voterò solo per i partiti o le coalizioni che metteranno nei loro programmi elettorali, questa proposta su dove reperire i soldi, altrimenti significa che non hanno le “coperture” per realizzare le promesse che faranno.

Mi raccomando, aiutateci a farla sottoscrivere da più persone possibili, in modo da poter esercitare una maggiore pressione politica.

Vogliamo e possiamo … TORNARE GRANDI

LORO non molleranno facilmente, ma NOI non molleremo MAI.

© Fabio Conditi

Presidente dell’associazione Moneta Positiva

https://monetapositiva.it/

Coordinatore del gruppo “Economia e benessere integrale

nella Pontificia Academia Mariana Internationalis

Articolo precedenteIl Superbonus 110% genera moneta positiva
Articolo successivoSuperbonus 110% – La moneta invisibile
Presidente dell'Associazione Moneta Positiva per la riforma il sistema monetario e la realizzazione di una moneta di proprietà dei cittadini e libera dal debito. Ingegnere edile, specializzato in progettazione architettonica e strutturale, da anni studia il sistema economico e monetario attuale, analizzando le cause della crisi economica e le soluzioni concrete e realizzabili per uscirne. Relatore in più di 150 incontri pubblici in tutta Italia, anche nelle istituzioni (2 alla Camera e 2 al Senato), ai quali hanno partecipato più di 10.000 persone. Ha realizzato anche corsi, spettacoli teatrali, interviste e trasmissioni alla radio e in TV, oltre che articoli e libri sui temi economici e monetari. Maggiori informazioni nel sito Moneta Positiva: https://monetapositiva.it/